I passeggini  trio Janè sono un’ottima scelta se si cerca un prodotto sicuro, di qualità, ad un prezzo conveniente. La formula dei passeggini Duo che comprende passeggino e seggiolino auto/carrozzina, è senza dubbio la più interessante.La linea ruote dell’azienda spagnola è studiata per riuscire ad agevolare mamma e papà, garantendo il giusto comfort al bambino. Resistenza e praticità d’uso, uniti ad un’estetica moderna, sono le caratteristiche che più ci fanno apprezzare i prodotti Jané.  Aver due pezzi invece di tre facilita gli spostamenti, e permette di trasportare il passeggino nel bagagliaio dei più comuni tipi di auto. Sarà più comodo anche per il bambino, sopratutto durante i primi mesi ed i sonni in auto. Non servirà svegliarlo all’arrivo, ma semplicemente sganciare il seggiolino dall’auto ed agganciarlo al telaio del passeggino. Il centro per la ricerca e lo sviluppo della sicurezza infantile di Janè, si occupa inoltre di disegnare e creare gli articoli, testandoli e sottoponendoli a rigidi crash test.

  • Inglesina Passeggino Trip Rain
  • Seggiolini 0-13 Kg
  • Natural Sensation
  • Freno di stazionamento manuale

passeggini cosa comprareGli esperti asseriscono che l’utilizzo del passeggino oltre l’età consigliata possa portare il bambino a vedere scemare la voglia di correre o di giocare. Sarebbe quindi il caso che molti genitori iniziassero a comportarsi in maniera differente. Come tutte le cose basta evitare l’eccesso, sia in un senso che nell’altro. Ricordiamo che in alcune situazioni il passeggino può risultare davvero utile, come quando il tempo a disposizione è davvero limitato e il genitore non può attendere i tempi del bambino. Tuttavia il passeggino non va considerato come la soluzione migliore ai problemi del genitore, poiché si rischia di utilizzare questo accessorio da viaggio anche quando non ce n’è il reale bisogno. Insomma, il passeggino deve rappresentare uno strumento utile al bambino e non al genitore. Detto del fatto che il passeggino può essere utilizzato sin dal 5 mese del bambino, i pediatri indicano anche un età giusta per smetterlo di utilizzarlo, che è attorno ai 3 anni. Tra i 3 e i 4 anni lo si può ancora utilizzare, ma solo in caso di vera necessità. Beh dopo conservalo per il prossimo figlio! Bisogna trovare dei piccoli compromessi nella fase di abbandono del passeggino, ad esempio non utilizzandolo e consentendo al bambino di correre liberamente per il parco e usarlo solo per tornare a casa. Insomma la parola d’ordine è: non abusare!

Pupazzi e sonaglini sono la scelta migliore per incominciare.

Secondo il parere di numerosi esperti, l’età giusta per iniziare ad utilizzare il passeggino è intorno ai 5 mesi, tenendo leggermente inclinato verso il basso lo schienale, pe non appesantire troppo la schiena del piccolo. In questo modo il nostro bambino, che ricordiamo a questa età non è ancora in grado di restare in posizione eretta o seduta per più di qualche minuto, si trovi piegato su se stesso senza sforzarsi troppo. A differenza della carrozzina, il passeggino Trio, consente al nostro bambino anche di guardarsi attorno e di esplorare il mondo che lo circonda, consentendogli di trascorrere le ore di passeggiata in modo più piacevole e con meno pianti. Nonostante, come accennavo in precedenza, il box non goda dei favori del pubblico, può tornare molto utile quando bisogna lasciarlo fermo in un posto, da sveglio e sapendolo al sicuro. Il box è utile? Se si decide di acquistare un box, proprio al quinto mese di vita bisogna in un certo senso “abituare” il bambino a questa nuova forma di semi-libertà, tenendolo al suo interno per piccole sessioni da dieci minuti ciascuna. Solo in questo modo e a questa età il bambino può iniziare ad abituarsi a questa nuova condizione, per poter essere poi in seguito essere lasciato per molto più tempo. Nel box ricorda di inserire solo i giocattoli più adatti all’età del tuo bambino, poiché egli non sarà sempre sotto la tua stretta sorveglianza. Pupazzi e sonaglini sono la scelta migliore per incominciare. Tuttavia, la permanenza deve essere comunque breve, soprattutto quando ci si accorge che la situazione non è molto gradita al piccolo occupante. Oltre alla domanda che fa da titolo di apertura al nostro articolo, un’altra molto interessante è questa: fino a che età dovremmo utilizzare il passeggino per non viziare il bambino? Una realtà che secondo il mio parere è molto italiana e che riguarda proprio il binomio passeggino-bambino, è quella che vede i genitori “trasportare” i loro bambini nel passeggino ancora a 5/6 anni di età!

Oltre alle dimensioni, tenete conto anche della leggerezza, che varia molto da modello a modello.

In questo modo potrete aprirlo con facilità anche se siete da sole avete il bimbo in braccio. Inoltre, è bene che consideriate le dimensioni e l’ingombro da chiuso del passeggino. In questo senso, regolatevi con lo spazio che avete a disposizione a casa per riporlo, ma anche con quelle del bagagliaio dell’auto (per trasportarlo senza problemi). Infatti, se è vero che ci sono alcuni modelli molto attrezzati, è anche vero che talvolta occupano davvero tanto spazio. Considerate anche la dimensione delle ruote, che in alcuni modelli, però, si possono anche togliere, proprio per limitare l’ingombo. Scegliete, poi, tra i modelli a tre o quattro ruote, sempre in base alle vostre esigenze. Oltre alle dimensioni, tenete conto anche della leggerezza, che varia molto da modello a modello. Anche in questo senso, regolatevi in base alle vostre esigenze. Ancora, se vi può essere utile, tenete presente che ci sono alcuni modelli trio con la seduta del passeggino reversibile, che può quindi essere posizionata fronte strada o fronte mamma, con un semplice movimento. Infine, per quanto riguarda il prezzo (a meno che il passeggino non sia usato), esso si aggira in genere tra i 700 € e i 900 €. Non è una cifra modesta, però dovete tenere presente che con questa somma acquistate complessivamente ben 3 prodotti: carrozzina, passeggino e seggiolino auto. Se, poi, scegliete di avere più di un bebè, sicuramente potete riutilizzare più e più volte il modello trio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *