Anche se un cibo sembra avere un aspetto insolito non significa in tutti i casi che sia in cattive condizioni.

Le verdure, per esempio, non possono essere mangiate se sono danneggiate, ma il pane e il formaggio, ad esempio no.

Ora ti mostreremo alcune linee guida per poter sfruttare il cibo.

A volte gettiamo cibo che, sebbene apparentemente viziato, può essere consumato, ma con alcune precauzioni.

Ad esempio, se parliamo di formaggio, dobbiamo prendere in considerazione di che tipo si tratta. questi sono tipi di formaggi secchi, dobbiamo solo rimuovere la parte interessata dai funghi, ci sono alcune varietà che incorporano già i funghi come ingrediente, ma se i funghi non sono uno dei componenti del formaggio o non è una varietà secca, e le macchie hanno una consistenza “pelosa” non solo indicano la presenza di funghi, ma anche batteri, che possono causare malattie come: salmonellosi e listeriois.

 

Le mele diventano sensibili quando appare un buco attraverso il quale vengono lanciate le minacce, alcune delle quali dannose.

Le marmellate sono anche alimenti resistenti, i funghi che compaiono in la loro superficie non li influenza, devi solo rimuoverli prima di consumare il prodotto, anche se devi sempre controllare la data di scadenza dei prodotti.

I dadi, anche se non li assomigliano, possono diventare estremamente pericolosi.

Per quanto riguarda pasta e riso, sono meglio conservati finché sono conservati in frigorifero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *